Archives

Here's the long list of articles I wrote in these years, in Italian and English.
 

Un giro nell'universo React

Da quando React è stato rilasciato da Facebook è diventato rapidamente una delle librerie più usate per la realizzazione di interfacce web. Come mai?

Perchè la Green Card è una lotteria?

Ho beccato un post on line in cui si chiedeva se un lavoratore da remoto può lavorare dagli USA per clienti italiani. La risposta precisa ve la potrà dare solo un avvocato esperto (o il consolato USA); semplifichiamo dicendo che se si lavora dal territorio USA bisogna pagare le tasse americane. Per lavorare legalmente in USA ci sono molte strade: la Green Card è una di queste.

VueJS basics

It has been a long week for me, I’m studying very hard VueJS - this time by coding real examples - and I confirm that there are some very good concepts backed in.

Separation of data and methods

This is a basic html containing some VueJS markup:

<html>
  ...
  <body>
  	<script src="https://cdn.jsdelivr.net/npm/vue"></script>
  	<div id="app">
  	  <h2>{{ message }}</h2>
      <p>{{ sayHelloTo(name) }}</p>
  	</div>
  </body>
</html>

This is a basic VueJS element:

new Vue({
  el: '#app',
  data: {
    message: 'Hello from Vue!',
    name: 'Michele'
  },
  methods: {
    sayHelloTo: function(name) {
      return `Hello, ${this.name}!`
    }
  }
})

Let’s describe this snippet:

  • the el references the DOM element with the #app id. This element will be Vuezed.
  • the data object contains the data that can be used inside the HTML: for example, we used the message property in the Html.
  • the methods property contains the methods you can use in your html. These are useful for calculations or for actions, like clicking on a button.

I acutally like a lot: a clear separations of data and methods.

This is a concept that comes from the functional programming world, that is, separate the data from the functions that interact with this data.

However, Vue is not functional in the classic sense of the definition, because you use the this keyword to access data & you’re not forced to write pure functions, etc etc.

A word on this

Have you noticed that from the methods section, if you want to access data properties, you use this ?

In fact, Vue proxies the this keyword so that you can access to data without writing this.data.message.

However, for this to work you must write 90% of the time the old ES5 function() declaration: this is expecially clear in VueJS components, an argouments we’ll talk in another post.

Dovrei partecipare al programma Erasmus?

Anche io ho partecpato al programma Erasmus, era il 2006, l’anno dei mondiali e io ero a Siviglia. Non avete idea di quanto sia appagante vincere un mondiale all’estero.

Basandomi sui miei ricordi: prima di partire hai paura, il primo mese che stai lì ti chiedi ma chi te l’ha fatto fare mentre cerchi casa, fai la spesa, ti iscrivi ai corsi; il secondo mese è insieme al primo il più duro, pensi di aver fatto la cazzata più grande della tua vita, non capisci la gente quando parla, non sai cosa fare e dove andare, un po’ ti senti solo se non hai nessuno (e io partii da solo)…

Poi venne fuori la faccia di bronzo. Un giorno sentii parlare in italiano in autobus e chiesi “hey, sei Erasmus? ma dove diavolo uscite la sera?”; un altro giorno incontrai degli studenti spagnoli che festeggiavano un’Italian Day con dolci italiani (disgustosi e mai mangiati prima) e in pratica finii a uscirci insieme e a correggergli i compiti, etc etc.

Il terzo mese inizi a pensare che l’Erasmus è una figata pazzesca, il quarto il quinto e il sesto speri non finisca mai e inizi a progettare fughe, rimpatriate, anche se già sai che tante cose dovranno necessariamente finire lì.

E in tutto questo c’è che ti lasci con la ragazza o ne trovi una nuova, si conoscono persone di tutto il mondo, si imparano nuove lingue e si girano continenti. Anche i sentimenti si mettono a dura prova.

Dal punto di vista accademico ho avuto un problemaccio con lo spagnolo andaluso, In pratica i primi tre mesi di corso non ho capito nulla. Io, mai bocciato, in Spagna feci un solo esame su tre preventivati, ma quando tornai in Italia superai quei due esami con 30&lode.

Chiunque dovrebbe fare l’Erasmus. Anche chi non va all’università. Specialmente chi è fidanzato/a. Specialmente chi ha paura.

Tutti.


Quest’articolo era, in principio, un commento a un post su facebook. In bocca al lupo a tutti quelli che parteciperanno al programma.

Newer >> << Older